La coperta di Linus oggetto transizionale

Oggi voglio parlarvi della nuova tappa conquistata da Elisa, la mia seconda bimba di 10 mesi: ha scelto il suo oggetto transizionale del cuore! E finalmente i risvegli notturni sono ridotti al minimo.

Anche stavolta niente coniglietti rosa, topolini o doudou….avevo comprato un sacco di cosette carine…. ma niente.

Anche Elisa ha scelto da sé, ed ha scelto come compagno di avventure questo simpatico pinguino!

Mi presento: sono Pino il pinguino il nuovo oggetto transizionale di Elisa

Il termine tecnico è oggetto transizionale e il vocabolario Treccani lo definisce così: “oggetto, tipicamente una bambola o un pezzo di stoffa, cui i bambini, in un determinato periodo della loro crescita, attribuiscono un particolare valore, poiché rappresenta per loro qualcosa che sta tra sé e un’altra persona importante, per lo più la madre, e che può quindi essere utilizzato in sua vece soprattutto durante la sua assenza o indisponibilità. La locuzione fu coniata dallo psicanalista D.W. Winnicott.”

L’oggetto transizionale è quindi un oggetto che fornisce conforto psicologico al bambino, sostituendo progressivamente il legame simbiotico madre-figlio.

Morbidi e soffici, zuppi dell’odore inconfondibile della mamma e del proprio odore, il nostro cucciolo si troverà sempre con il suo oggetto in mano: coccolato, stretto e ciucciato.

Così, orsetti, doudou e copertine diventano indispensabili per il nostro bambino nel momento in cui realizza di non essere più tutt’uno con la mamma.

Il nostro bimbo riuscirà così a gestire la separazione naturale con la mamma, consapevole ormai di essere un individuo a sé, facilitando l’inevitabile passaggio dal mondo interno al mondo esterno, attraverso questa “zona intermedia”. 

Personalmente ho provato con entrambe le figlie a scegliere io l’oggetto, acquistando doudou, coniglietti e topolini… ma in entrambi i casi è stato un mio insuccesso, entrambe si sono giustamente scelte quello che piace a loro.

L’inseparabile amica di Giulia è questa (ormai consumata) anguria!

Vi presento Giulia l’anguria, l’oggetto transizionale inseparabile della mia bimba Giulia.
Per sicurezza ne ho cercato una uguale ma non ho il coraggio si sostituirla con la sua vecchia, adorata anguria ❤️

Giulia l’anguria è davvero inseparabile amica della mia bimba, è la sua compagna di avventure! Quando gioca deve sempre avere lei nei dintorni, e ogni tanto la prende in braccio e le spupazza il nasino ormai consumato.

E’ la sua immancabile coccola prima della nanna. Dorme con lei nel letto e al mattino quando si sveglia se la porta per mano a fare pipì, si cambiano insieme e fanno colazione. Prima di andare all’asilo la saluta e la porta nel suo lettino a fare la nanna. 

Anche vostro bimbo ha scelto il suo oggetto transizionale? Mi raccomando! Acquistate se potete un secondo inseparabile amico (uguale) e tenetelo di scorta. Se per qualsiasi motivo smarrite il loro oggetto del cuore ne avrete uno identico da riproporre senza guai.

Sono curiosa, quali sono gli oggetti a cui si sono affezionati i vostri cuccioli?

L’anguria di Giulia, inseparabile amica, è sempre con lei, anche in vacanza!

(articolo scritto per il blog KIDS Guiding Moms)