Lo smartworking al tempo del coronavirus

Sono ormai 49 giorni che a Brescia i bimbi sono a casa da scuola e dall’asilo.
Sono 49 giorni che io lavoro da casa.
Mi sono spesso sentita dire che lavorare da casa era una fortuna.
Oggi sono felice che la tendenza si sia invertita.
Ogni mamma che sento si lamenta del gran casino che comporta dover lavorare da casa o come si dice oggi fare smart working. (Che poi tanto smart non è, direi piuttosto che si fa del semplice telelavoro).


Certo, puoi berti tutti i caffè che vuoi. Puoi lavorare con i calzini di spugna sopra ai pantaloni. Davanti al pc sei struccata e spettinata e magari ancora il pigiama.
Puoi telefonare mentre sei in bagno o come me mentre stai cucinando.
Ma vuoi mettere che casino?
Il livello di concentrazione è bassissimo. Inizi una cosa e la interrompi 300 volte.


Mammaaaaa dove seiiii?
Mammaaaaaa posso mangiare il budino al cioccolato?
Mammaaaaaa posso guardare Frozen?
Mammaaaaaa dove è finito il puzzle dei super pigiamini?
Mammaaaaaa mi scappa la cacca!
Mammaaaaaa giochiamo insieme?
Mammaaaaaa mi soffi il naso?
Mammaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Ovviamente a queste “distrazioni” che hanno solo le mamme si aggiungono anche i problemini tecnici dovuti al lavoro on line.
La connessione da remoto alla ditta per esempio, lenta e non costante.
Oppure se sei fortunata come me e hai una VPN stabile con l’azienda a mancare è la fibra, che salta in continuazione per colpa del sovraccarico di traffico. Così se stai facendo una call conference capisci praticamente un terzo di ciò che si sta dicendo perchè salta continuamente la linea. Che meraviglia ‘sto smart working!

E le telefonate?
Ricevi una telefonata importante, magari devi prendere appunti e immancabilmente ti suona il campanello:
il primo è il postino, poi ti suona quel sant’uomo che ti porta la spesa esselungaonline e infine ecco che arriva pure il macellaio del paese che ti porta le bistecchine fresche per le bambine.
Ci manca solo il prete che vuole darti la benedizione e sono passati proprio tutti.

Ecco. Questo è lo smart working ai tempi del coronavirus.

Ed io ringrazio perchè le mie figlie sono ancora piccole, tanto che una è ancora nel pieno della fase allattamento (altre pause da dover gestire).
Non oso mettermi nei panni di quelle mamme smart-worker che devono pure gestire la scuola on line dei propri figli….

Forza mamme, sono con voi! #andratuttobene

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...